Dieta per l’estate: consigli alimentari per la prova costume

dieta per l'estate

Dieta per l’estate: consigli alimentari per la prova costume

Come affrontare la dieta per l’estate e tornare in forma

Perché pensare adesso alla dieta per l’estate? Perché per tornare in forma il nostro corpo ha bisogno di ristabilire il suo equilibrio interiore in modo graduale, possibilmente seguendo delle fasi ben precise che gli serviranno per dimagrire o comunque per tornare in forma in modo sano e corretto.

La prima cosa da fare sarà quindi disintossicarsi dalle sostanze più caloriche per poi seguire un regime alimentare quotidiano che veda prioritaria l’assunzione di cibi naturali e poveri di grassi e zuccheri.

Dieta per l’estate: la fase disintossicante  

La fase disintossicante permette all’organismo di costruire una base perfetta per vedere miglioramenti di settimana in settimana. Questa fase dura 4 settimane.

In questa fase vanno eliminate possibilmente:

  • Caffè e altre bevande stimolanti
  • Saccarosio, Fruttosio, Dolcificanti sintetici
  • Grassi idrogenati (origine vegetale)
  • Integratori

Questi elencati sono alimenti che tendono a contenere additivi e agenti inquinanti, sostanze completamente estranee al nostro corpo e che ne peggiorano i normali processi fisiologici.

Dieta per l’estate: cosa mangiare e cosa no

Va ridotta in maniera significativa l’assunzione di:

  • Latte e derivati
  • Alimenti contenenti glutine

Sono alimenti che non digeriamo in modo ottimale e che tendono a favorire processi di infiammazione sistemica generale e gonfiore.

Va aumentata l’assunzione di:

  • Frutta a verdura
  • Alimenti ricchi di omega 3

Il primo gruppo di alimenti è ricco di vitamine e antiossidanti, entrambi importanti contro i radicali liberi, e l’alta presenza di fibre permette di “allenare” anche il nostro sistema digerente aumentando il nostro metabolismo basale.

Il secondo gruppo di alimenti, ricchi di omega-3, come nel caso del salmone, aiutano a ridurre l’infiammazione sistemica ottimizzando tutti i normali processi fisiologici. Questi consigli alimentari sono da seguire quotidianamente.

Dieta per l’estate: esempio di giornata ideale

Colazione: Costituita prevalentemente da carboidrati contenuti nella frutta o in cereali senza glutine. Possiamo aggiungere del latte o dello yogurt di origine vegetale (latte di soia, mandorla, riso sono tra i migliori); infine semi oleosi come mandorle, noci, noci brasiliane, nocciole. Se vogliamo qualcosa di fresco e veloce possiamo anche fare un frullato aggiungendo tutti questi ingredienti.

Spuntini: mangiare una mela fa bruciare più kcal di quelle che ingeriamo. Mangiare spesso non equivale a mangiare troppo, ma ad allenare il nostro sistema digerente; per questo motivo gli spuntini sono importanti come tutti gli altri pasti. Anche in questo pasto dobbiamo prediligere frutta, verdura e semi oleosi. Farne uno a metà mattinata e uno a metà pomeriggio

Pranzo e cena: In entrambi i pasti dovremmo prevedere due porzioni di verdura e una di proteine animali o vegetali; prediligere carne bianca, uova, pesce e legumi. A pranzo possiamo aggiungere una porzione di carboidrati senza glutine come riso, meglio se integrale, patate, patate dolci. A proposito scopri le proprietà della quinoa e inserisci anche questo cereale tra i carboidrati da mangiare a pranzo.

Il nostro consiglio speciale

La primavera è alle porte! Cerchiamo di esporci qualche minuto al sole ogni giorno, magari durante una bella passeggiata, per ricaricare le nostre riserve di vitamina D. Questa vitamina liposolubile, prodotta dalla pelle grazie ai raggi solari, ha tantissimi effetti benefici per il nostro organismo ed è in grado di regolare la secrezione dell’insulina e quindi ridurre il grasso accumulato; ha un effetto benefico a livello cardiaco e sul nostro sistema immunitario, migliora l’attività muscolare e celebrale. L’inverno porta a ridurre i suoi livelli nell’organismo perché riduciamo l’esposizione solare.

* le cose scritte in questo articolo sono solo consigli alimentari. Le seguenti indicazioni hanno scopo esclusivamente informativo e non intendono sostituire il parere di figure professionali come medico, nutrizionista o dietista, il cui intervento si rende necessario per la prescrizione e la composizione di terapie alimentari personalizzate.