Formazione e Benessere Psicologico: Il Legame Essenziale

Salute

Clima Aziendale

benessere psicofisico

Formazione e Benessere Psicologico: Il Legame Essenziale

di Chiara Buongiorno  - 

27/03/2024

' di lettura

La formazione aziendale è il veicolo che trasporta i dipendenti verso la crescita personale e la realizzazione professionale, mentre gioca un ruolo cruciale nella prevenzione del temuto "burnout". 

In questo articolo esploriamo il legame fondamentale tra formazione e benessere psicologico, rivelando come gli specialisti HR possano plasmare un ambiente lavorativo che ispira il progresso individuale e protegge dai rischi dell'esaurimento professionale.

1
L'importanza della formazione aziendale 

La formazione aziendale è un processo di apprendimento mirato e sviluppo delle competenze, finalizzato a migliorare le prestazioni dei dipendenti e contribuire al successo complessivo dell'azienda. 

A trarre vantaggio dalla formazione aziendale sono sia l’organizzazione, che le sue risorse. Per quanto riguarda le imprese, esse possono andare incontro a un miglioramento delle prestazioni. Infatti la formazione aiuta i dipendenti a sviluppare competenze e le conoscenze necessarie per svolgere al meglio il proprio lavoro, aumentando l'efficienza e l'efficacia operativa. Inoltre l’addestramento adeguato può portare a una maggiore produttività e a una maggiore redditività. Di conseguenza si ha una riduzione dei costi operativi. 

Una buona formazione aziendale comporta anche una riduzione dell’errore e dell’insoddisfazione da parte del cliente. Infatti i dipendenti ben addestrati commettono meno errori. In questo modo le imprese evitano di perdere i clienti. Per le aziende che investono nella formazione dei dipendenti, migliora anche  la fedeltà e la retention del personale. Quando un datore di lavoro è in grado di prendersi cura delle proprie risorse e soddisfare le loro esigenze, si assicura talenti fidelizzati e in linea con gli obiettivi dell’impresa. Ricordiamo poi che la formazione aziendale può aiutare a identificare e sviluppare talenti interni, riducendo la necessità di assumere dall'esterno e migliorando la crescita aziendale a lungo termine.

Per quanto riguarda i dipendenti, invece, la formazione aziendale permette loro di andare incontro a vantaggi quali lo sviluppo professionale e l’acquisizione di nuove competenze, con cui progredire nella propria carriera. Di conseguenza, acquisire nuove competenze e conoscenze aumenta l'autostima e la fiducia che le risorse possono avere nelle proprie capacità.

Inoltre i dipendenti ben addestrati sono più appetibili per le promozioni e le opportunità di carriera, sia all'interno che all'esterno dell'azienda.

Le aziende dovrebbero puntare anche alla formazione relativa alla sicurezza sul posto di lavoro. In questo modo vengono ridotti i rischi di infortuni e le malattie e garantite la salute e la sicurezza dei dipendenti.

All’interno di un’organizzazione, è compito degli specialisti delle Risorse Umane (HR) adottare diverse strategie per la promozione della formazione aziendale. Ecco per te alcuni suggerimenti: 

  1. .Valutazione delle esigenze di formazione: identificare le competenze necessarie per i dipendenti in base alle esigenze aziendali attuali e future
  2. .Sviluppo di programmi di formazione personalizzati: creare programmi di formazione su misura per soddisfare le esigenze specifiche dell'azienda e dei dipendenti
  3. .Accesso a risorse di apprendimento: fornire risorse e strumenti di apprendimento accessibili ai dipendenti, come corsi online, workshop, mentoring, e-learning, ecc
  4. .Incentivi per la formazione: offrire incentivi come riconoscimenti, promozioni o bonus per incoraggiare i dipendenti a partecipare attivamente ai programmi di formazione
  5. .Valutazione delle prestazioni post-formazione: valutare l'efficacia dei programmi di formazione per misurare il ritorno sull'investimento e apportare eventuali correzioni
  6. .Cultura della formazione: promuovere una cultura aziendale che valorizzi l'apprendimento continuo e l'auto-miglioramento.
  7. .Monitoraggio e feedback costanti: raccogliere feedback costanti dai dipendenti per migliorare i programmi di formazione e adattarli alle loro esigenze in evoluzione

La formazione aziendale è essenziale per il successo delle aziende e il progresso dei dipendenti, poiché contribuisce a creare un ambiente di lavoro più produttivo e soddisfacente.

crescita personale
2
L'importanza della crescita personale dei dipendenti

Per crescita personale dei dipendenti ci riferiamo al processo mediante il quale i lavoratori sviluppano le proprie competenze, acquisiscono nuove conoscenze, e migliorano aspetti della loro personalità, sia sul piano professionale che personale. Questo processo è volto a migliorare la loro capacità di svolgere il lavoro in modo efficace, contribuire al successo dell'azienda e promuovere il loro sviluppo individuale. 

La crescita personale dei dipendenti include l'acquisizione di competenze specifiche legate al proprio lavoro o a ruoli futuri. Ad esempio le risorse possono imparare conoscenze tecniche, abilità manageriali o competenze trasversali. Ma anche l'acquisizione di abilità di leadership che consentono ai dipendenti di guidare e ispirare gli altri. Possono acquisire poi l’abilità nelle relazioni interpersonali, inclusa la comunicazione efficace, la collaborazione e la gestione dei conflitti.

La crescita personale si può legare alla sfera del Wellness, mediante la promozione del benessere fisico e mentale, ad esempio attraverso programmi di gestione dello stress, equilibrio tra lavoro e vita privata e miglioramento delle capacità di resilienza. 

E’ importante puntare sulla crescita personale dei dipendenti anche perché può portare all’acquisizione di una maggiore autostima e fiducia nelle proprie capacità, che aiuta le risorse a affrontare le sfide con successo. Di conseguenza la possibilità di crescita personale aumenta la motivazione dei dipendenti, poiché vedono una prospettiva di progresso e sviluppo nella loro carriera. Questo porta a una maggiore soddisfazione sul lavoro. Inoltre i talenti che si impegnano nella crescita personale sono più adattabili ai cambiamenti e alle nuove sfide, contribuendo al successo a lungo termine dell'azienda. 

Vediamo insieme come un HR può prendersi cura della crescita personale delle risorse della propria organizzazione. 

Può lavorare con i dipendenti per creare piani di sviluppo delle carriere che identificano obiettivi di crescita e opportunità di apprendimento. Un’altra idea è quella di offrire programmi di formazione e sviluppo su misura che soddisfino le esigenze e gli obiettivi di crescita del singolo lavoratore. Si rivela molto utile anche creare programmi di mentoring e coaching per aiutare i dipendenti a sviluppare le proprie competenze e conoscenze sotto la guida di professionisti più esperti. Inoltre è fondamentale fornire dei feedback e delle valutazioni costanti circa le prestazioni per identificare le aree di miglioramento e incoraggiare il progresso dei propri collaboratori. A ciò si aggiunge l’importanza di premiare i dipendenti che dimostrano un impegno significativo nella loro crescita personale attraverso riconoscimenti, promozioni o bonus.

Un HR non può dimenticare poi di creare una cultura aziendale che promuova l'apprendimento continuo e l'auto-miglioramento, incoraggiando i dipendenti a cercare nuove opportunità di crescita. Per apprendimento continuo intendiamo la pratica di imparare costantemente attraverso l'autoformazione, la partecipazione a corsi, workshop o seminari, la lettura di libri o la partecipazione a conferenze. Un consiglio è quello di fornire risorse e strumenti di apprendimento, come accesso a libri, corsi online, conferenze e seminari. 

La crescita personale dei dipendenti è cruciale per mantenere un ambiente di lavoro stimolante e motivante. 

burnout psicologia
3
Burnout: la sfera psicologica in azienda

Il "burnout" aziendale è uno stato di esaurimento fisico ed emotivo che può colpire i dipendenti a causa di eccessivo stress cronico legato al lavoro. È un problema serio che può avere un impatto significativo sulla salute mentale e fisica dei lavoratori, nonché sulla produttività e sul benessere dell'azienda stessa. E’ importante conoscere quali sono le sue cause, i rischi e come evitarlo. Vediamolo insieme. 

Tra le cause del burnout aziendale vi è sicuramente l'eccessivo carico di lavoro. Avere una quantità eccessiva di lavoro da svolgere, scadenze stringenti e aspettative irrealistiche possono portare all'esaurimento. A ciò si aggiunge la mancanza di tempo libero e quindi uno scarso equilibrio tra vita personale e vita professionale. Anche sentirsi impotenti o privi di controllo sulla propria situazione lavorativa può essere fonte di stress e burnout.

Ricordiamo che un ambiente di lavoro caratterizzato da comportamenti malsani, bullismo, discriminazione o conflitti costanti può contribuire all'esaurimento. Quando poi vi sono pressioni di carattere finanziario, come preoccupazione per la sicurezza economica o il mantenimento di un lavoro, anche i migliori talenti rischiano di giungere a un vero e proprio crollo psicologico. 

I rischi del burnout non devono essere sottovalutati. Infatti un periodo eccessivo e prolungato di stress può comportare a depressione, ansia, malattie fisiche e problemi cardiaci, oltre a ridurre il sistema immunitario. I lavoratori esausti sono meno produttivi, commettono più errori e faticano a mantenere un alto livello di performance. Inoltre tendono a prendersi più giorni di malattia, aumentando i costi per l'azienda. L'insoddisfazione e il burnout possono portare anche a una maggiore rotazione del personale, con conseguenti costi di reclutamento e formazione.

Sono diverse le pratiche che si possono mettere in pratica per prendersi cura della salute psicologica delle proprie risorse ed evitare il burnout aziendale. Innanzitutto è fondamentale promuovere un equilibrio tra vita privata e vita lavorativa. Dunque consentire ai dipendenti di gestire il proprio carico di lavoro e incoraggiare il tempo libero. A tal proposito si rivela essenziale assicurarsi che i dipendenti comprendano chiaramente i loro compiti e le aspettative in modo realistico. Ma anche fornire servizi di consulenza o supporto per il benessere, inclusi programmi di gestione dello stress e sullo sviluppo di competenze di resilienza.

Non può mancare una comunicazione aperta, con la quale favorire un ambiente di lavoro in cui i dipendenti si sentano a loro agio nel condividere le proprie preoccupazioni e problemi. E’ importante evitare di sovraccaricare i dipendenti con lavoro e distribuirlo in modo equo.

Prevenire il burnout aziendale richiede un impegno attivo da parte dell'azienda e dei responsabili delle risorse umane. Creare un ambiente di lavoro che promuova il benessere e l'equilibrio tra lavoro e vita personale è essenziale per prevenire il burnout e sostenere la salute mentale e fisica dei dipendenti.

WELLBEING IN AZIENDA

Scopri le nostre soluzioni di Corporate Wellbeing in un'unica soluzione. Abbonamenti Sportivi, Supporto Psicologico, Nutrizione e tanto altro.

autore

Chiara Buongiorno