Yin Yoga: come aiuta a rilassare corpo e mente?

yin yoga

Yin Yoga: come aiuta a rilassare corpo e mente?

Lo Yin Yoga è una variante di yoga che ha l’obiettivo di migliorare, rilassare e fortificare corpo e mente. In questo articolo facciamo luce su cos’è, in cosa differisce dalle altre varianti e quali sono le sue caratteristiche principali.

YIN YOGA: COS’È E COME NASCE

Lo Yin Yoga è un particolare tipo di yoga che ha come obiettivo quello di rilassare in maniera profonda e significativa sia la mente che il corpo di chi lo pratica, stimolando l’energia vitale e calmando le emozioni.

L’invenzione dello Yin Yoga è attribuita a Paulie Zink. Insegnante di Taoismo e campione di arti marziali, negli anni settanta decise di creare una nuova attività combinando principalmente gli asana dell’Hatha Yoga ed il Taoismo.

Con gli anni, questa disciplina è stata modificata e perfezionata grazie al contributo di Paul Grilley e Sarah Powers. Sfruttando la loro conoscenza dell’anatomia, della medicina cinese e dei sistemi meridiani, questi ultimi decisero di sviluppare delle sequenze particolari che permettessero di stimolare al meglio l’energia e la respirazione.

yin yoga

Proprio per le sue caratteristiche particolari, lo Yin Yoga può essere ben compreso solo se si ha una conoscenza dell’approccio Taoista di Yin e Yang. Quest’ultimo mira a raggiungere il punto che regge l’equilibrio tra forze opposte e complementari. Tali forze non sono presenti solo in natura ma anche e soprattutto nel nostro corpo.

Appartiene alla natura Yang ciò che è attivo, flessibile, chiaro, caldo e morbido. Al contrario, appartiene alla natura Yin ciò che è passivo, rigido, scuro, duro e freddo.

Di conseguenza – grazie a questa distinzione – il nostro tessuto connettivo viene associato agli elementi della natura Yin poiché rigido e non elastico (ed dunque è accompagnato da movimenti lenti e profondi), mentre i nostri muscoli vengono associati agli elementi della natura Yang, perché elastici e morbidi (e sono accompagnati da movimenti sono molto più veloci e ritmici).

Il raggiungimento dell’equilibrio tra queste due forze è allo stesso tempo la base e il punto d’arrivo dello Yin Yoga. Nella sua versione originale, Zink dava moltissima importanza ad entrambe le forze della natura. Tuttavia, con le modifiche messe in atto da altri esponenti della pratica, si è preferito maggiore importanza alla natura Yin.

Questa preferenza prende maggiore rilevanza all’influenza della teoria dei meridiani della medicina cinese secondo la quale è nel tessuto connettivo che risiedono i punti di incrocio dei canali che trasportano l’energia vitale (Prana o Chi). In assenza di una giusta attività fisica, il flusso energetico viene ostacolato e rallentato, ma grazie a movimenti lenti e profondi, può essere riequilibrato.

YIN YOGA POSIZIONI: QUALI SONO?

Lo Yin Yoga – lo ricordiamo – risente fortemente dell’influenza dell’Hatha Yoga e del Taoismo, per cui moltissimi asana sono gli stessi tra i vari stili. La differenza fondamentale sta nel tempo di esecuzione degli esercizi e nel tipo di esercizio ricorrente, che ne va a comporre appunto una sequenza.

Una Yin Yoga sequenza è formata da posizioni che vanno mantenute per almeno 3 minuti, al fine di migliorare il flusso energetico e stimolare tessuti ed articolazioni. Si può arrivare a mantenere una posizione anche per 5 minuti o addirittura più tempo, in base al livello di resistenza e di allenamento del soggetto che sta effettuando la  pratica.

yin yoga sequenza

La ragione di questi tempi ben specifici è dovuta al fatto che periodi di posa così lunghi servono per rilassare nonché allungare i tessuti connettivi come i tendini, i legamenti e le articolazioni. Altra caratteristica dello stile è che la maggior parte delle posizioni viene eseguita da sdraiati o da seduti, quindi quasi mai in piedi.

Per allineare i chakra ed i flussi energetici, è consigliato dedicarsi alla pratica prima o dopo qualsiasi attività di tipo yang (quindi, ad esempio subito dopo il rientro dal lavoro), al fine di ristabilire l’equilibrio tra gli elementi. Al contrario, è sconsigliato dedicare del tempo alla pratica se l’inattività ha preso il sopravvento.

Lo yin è l’approccio che può essere, invece, praticato anche tutti i giorni. Questo perché i tessuti interessati hanno tempi di recupero molto più brevi rispetto a quelli impiegati dai muscoli scheletrici.

Le posizioni attive riguardano l’elemento dello Yang, quelle passive invece, riguardano l’elemento dello Yin.

YIN YOGA SEQUENZA

Come tutte le classi di yoga, anche lo Yin Yoga prevede il raggruppamento degli asana in svariate sequenze, ciascuna finalizzata al raggiungimento di un determinato obiettivo.

Tra queste, ce ne sono 4 che possiamo considerare tra le più diffuse della pratica:

  • Sequenza di Primavera, creata per ripristinare l’equilibrio dei meridiani del fegato e della cistifellea.
  • Sequenza d’Estate, creata per equilibrare i meridiani della milza e dello stomaco.
  • – Sequenza d’Autunno, creata per ritrovare l’equilibrio dei meridiani dell’intestino, del cuore e dei polmoni.
  • Sequenza d’Inverno, creata per permettere il raggiungimento dell’equilibrio nei meridiani dei reni e della vescica.
Yin Yoga posizioni frequenti: quali sono?

Ci sono moltissime posizioni che possiamo includere nella disciplina.

yin yoga posizioni

Ecco un breve elenco di quelle che possiamo includere tra le più frequenti:

  • – posizione Baddha Kònasana, anche conosciuta come posizione della Farfalla;
  • – posizione Savasana, anche nota come posizione del Cadavere;
  • – posizione Vrksasana, chiamata anche posizione dell’Albero;
  • – posizione Ustrasana, anche conosciuta come posizione del Cammello;
  • – posizione Balansana, nota pure come posizione del Bambino;
  • – posizione Anahatam, ideale per attivare il quarto chakra Cuore;
  • – posizione Hamsasana, ossia la posizione del Cigno;
  • – posizione Mandukasana, nota anche come posizione della Rana.

YIN YOGA BENEFICI DELLA PRATICA

Lo yoga è fonte di benefici che dal corpo si estendono anche alla mente.

In caso di assenza di problemi particolari, lo stile è raccomandato a chiunque, soprattutto a chi ha uno stile di vita sedentario e rappresenta, infatti, un’ottima variante per risvegliare i muscoli e fortificare il corpo.

Ma quali sono i suoi benefici nello specifico? Vediamoli tutti nel dettaglio:

  • – rilassamento profondo del corpo e della mente;
  • – controllo del flusso energetico e attivazione dei chakra;
  • – allungamento dei tessuti muscolari;
  • – aumento della forza;
  • – miglioramento della circolazione sanguigna;
  • – migliora la flessibilità e la mobilità articolare e muscolare;
  • – accresce l’autostima;
  • – favorisce la connessione con sé stessi.

In conclusione, lo yoga è una delle discipline migliori per curare il proprio benessere psicofisico, rilassare la mente e migliorare così la qualità della vita. Se hai voglia di sperimentare gli effetti benefici dello yoga su te stesso/a, puoi provare Fitprime. Con un solo abbonamento hai l’opportunità di sperimentare diversi stili di yoga nei tuoi centri sportivi preferiti e comodamente da casa, con Fitprime TV

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: