Employer Branding

welfare

Clima Aziendale

Employer Branding

di Chiara Buongiorno  - 

24/01/2023

' di lettura

L’espressione employer branding descrive il processo di creazione dell’immagine della tua azienda: un’attività che ruota intorno all’identità della tua impresa e per la quale si contraddistingue dalla concorrenza. Ti permette di diventare un’azienda ricercata e attraente per i potenziali talenti, fidelizzare i dipendenti e migliorare la reputazione aziendale nel mercato.

Di seguito approfondiremo meglio questo concetto e spiegheremo perché sia importante anche per la tua azienda attuare una strategia di employer branding vincente.

1
Cos'è l'employer branding?

L’espressione employer branding significa il marchio del datore di lavoro. E’ l’insieme di caratteristiche e valori che definiscono l’identità aziendale, definendone gli elementi che distinguono l’impresa dai suoi competitor. 

Il suo obiettivo è quello di rendere l’azienda accattivante ed interessante agli occhi dei potenziali talenti, dei dipendenti già esistenti e dei clienti, in quanto luogo di lavoro ideale. 

2
Importanza dell'employer branding

Una buona strategia di employer branding è importante perché contribuisce a creare un’immagine positiva dell’azienda: grazie ad essa l’impresa viene percepita come un luogo ideale dove voler lavorare. Infatti aiuta ad attrarre i migliori talenti e a fidelizzare le risorse già assunte. Una popolazione aziendale, che si riconosce nei valori su cui è fondata l’impresa per la quale lavora, è più leale e motivata e di conseguenza più produttiva. Ciò che costituisce la vera risorsa di un’azienda sono i suoi dipendenti. Sono proprio loro che fanno esperienza diretta dell’immagine aziendale: lascia che parlino dell’impresa e veicolino i suoi valori.

Inoltre una buona strategia di employer branding è importante perché permette di costruire una buona reputazione aziendale e generare grande interesse da parte dei nuovi partner commerciali e dei clienti. 

3
Come creare un'immagine positiva dell'azienda:

L’immagine aziendale è costituita dall’insieme delle azioni comunicative condivise con tutti, ecco perché è importante che sia positiva. 

Pensa alla tua azienda come un microcosmo nel quale il modo in cui lavori e ciò che comunichi, sia con l’ambiente interno che esterno, influiscono sulla tua identità. 

Per costruire un’immagine aziendale positiva è importante che tu abbia consapevolezza della tua azienda e di dove vuoi che arrivi. Dunque devi tener presente:

  1. .la mission: Cosa offro e come lavoro?
  2. .la vision: Che futuro ideale immagina la mia impresa?
  3. .Il messaggio: Quale messaggio voglio trasmettere? Deve essere adattato in base al pubblico di destinazione, ad esempio in base all’età e all’esperienza dei candidati.

            Assicurati che ci sia sempre coerenza con ciò che la tua azienda fa e quello che comunica e che i suoi valori siano veicolati attraverso diversi mezzi e linguaggi.

Ricorda inoltre di sviluppare le public relation non solo con il pubblico in target, ma anche con gli stakeholder. Infatti una rete naturale aiuta a rafforzare la tua immagine.

Non trascurare la comunicazione interna per permettere ai tuoi collaboratori di sentirsi parte di una squadra.

employer branding strategy
4
Strategie dell'employer branding

Creare una buona strategia di employer branding permette alle aziende di guidare la costruzione della propria brand reputation. Ricordiamo che tali strategie devono andare incontro agli obiettivi che l’impresa ha prefissato ed essere in sintonia con la mission e la vision aziendale.

Ecco alcuni esempi di strategie di employer branding che le aziende possono adottare:

  1. .Definire l'identità dell'azienda come datore di lavoro: definisci i valori e la cultura aziendale e comunica in modo coerente con i potenziali talenti. 
  1. .Offrire benefici e opportunità di crescita: I nuovi talenti sono attratti da aziende che offrono opportunità di formazione e sviluppo e si prendono cura del benessere dei propri dipendenti. Infatti, oggi, i lavoratori vogliono sentirsi sostenuti e valorizzati per riuscire ad essere motivati e più produttivi. 
  2. .Utilizzare i social media e altre piattaforme online: i social media e altre piattaforme online sono un modo efficace per raggiungere un pubblico ampio e condividere informazioni sull'azienda come datore di lavoro. È importante mantenere una presenza online attiva e coerente con l'identità dell'azienda.
  3. .Coinvolgere i dipendenti attuali: i dipendenti attuali sono una risorsa preziosa per l'employer branding, poiché possono parlare della loro esperienza lavorativa e fornire una visione autentica dell'azienda. Coinvolgere i dipendenti attraverso programmi di referral e sondaggi sulla soddisfazione può essere un modo efficace per coinvolgerli e ottenere il loro supporto nella promozione dell'azienda come datore di lavoro.
  1. .Sviluppare una presenza forte nella comunità: l'azienda può dimostrare il suo impegno nella comunità attraverso il supporto a iniziative di beneficenza e la partecipazione a eventi locali. Questo può aiutare a creare un'immagine positiva dell'azienda come datore di lavoro.
  1. .Gestire le recensioni online: le recensioni online di ex dipendenti e dipendenti attuali possono avere un impatto significativo sull'immagine dell'azienda come datore di lavoro. È importante monitorare e gestire queste recensioni per mantenere un'immagine positiva dell'azienda.
5
Case study o esempi di successo:
  1. .includere esempi di aziende che hanno implementato con successo strategie di employer branding e descrivere i risultati ottenuti.
  2. .Google: l'azienda è nota per la sua cultura aziendale innovativa e per la forte attenzione alla soddisfazione dei dipendenti. Offre benefici competitivi, come pasti gratuiti e massaggi, e ha una forte presenza sui social media per promuovere la propria immagine come datore di lavoro.
  3. .Patagonia: l'azienda di abbigliamento outdoor è nota per la sua attenzione all'impatto ambientale e sociale, e per il suo impegno a offrire opportunità di lavoro sostenibili. Ha una forte presenza sui social media per promuovere la propria cultura aziendale e le opportunità di carriera.
  4. .Zappos: l'azienda di e-commerce è nota per la sua cultura aziendale unica, basata sui valori dell'assistenza al cliente e del benessere dei dipendenti. Offre benefici competitivi, come il rimborso delle spese di trasloco per i nuovi dipendenti, e ha una forte presenza sui social media per promuovere la propria immagine come datore di lavoro.
  5. .Airbnb: l'azienda di alloggi online è nota per la sua cultura aziendale inclusiva e per l'impegno a offrire opportunità di crescita professionale ai dipendenti. Ha una forte presenza sui social media per promuovere la propria cultura aziendale e le opportunità di carriera.
  6. .Nike: l'azienda di abbigliamento e calzature sportive è nota per la sua cultura aziendale dinamica e per il suo impegno a offrire opportunità di lavoro sostenibili. Ha una forte presenza sui social media per promuovere la propria immagine come datore di lavoro.

Ci sono diverse modalità attraverso cui misurare l’efficacia delle strategie di employer branding. 

Facciamo esempi di alcune  metriche utili:

  1. .Il feedback dei dipendenti: ciò che la popolazione aziendale pensa dell’ambiente in cui lavora è fondamentale e può essere registrato attraverso una serie di sondaggi o interviste. I dipendenti forniscono informazioni sulle loro esperienze ed opinioni su come percepiscono l’azienda, intesa come datore di lavoro.
  2. .Tasso di assunzione: Una buona reputazione come datore di lavoro attrae più facilmente nuovi talenti.
  3. .Reputazione online: monitorare le recensioni online dei dipendenti fornisce informazioni sulla reputazione aziendale.
  4. .Coinvolgimento dei dipendenti: un ambiente di lavoro positivo permette ai collaboratori di sentirsi più coinvolti e di conseguenza più motivati
Strategie di branding
6
Come integrare le strategie di employer branding con le altre attivitià di marketing:

L’employer branding è una strategia vincente se integrata con altre attività di marketing. Facciamo alcuni esempi:

  1. .Sfrutta i canali di marketing: il sito web aziendali, i social media, i comunicati stampa sono utili per promuovere l’azienda come datore di lavoro. Un’idea potrebbe essere la creazione di un video nel quale i dipendenti raccontano la propria esperienza ed evidenziano i benefici che traggono nel lavorare in azienda. 
  2. .Includi l’employer branding nelle strategie di comunicazione: l’immagine che si vuole veicolare, ovvero quella di un ambiente di lavoro positivo e attraente, si può integrare al messaggio di marketing. 
  3. .Collabora con altre aziende e organizzazioni: per promuovere la propria reputazione si può partecipare ad eventi di recruting. 
  4. .Crea materiali di marketing dedicati: sfruttando gli elementi del branding aziendale si possono produrre ad esempio delle brochure che presentino l’azienda come un posto di lavoro attraente.
  5. .Condividi i risultati delle strategie di employer branding: ad esempio comunicare il tasso di assunzione per veicolare l’immagine di un ambiente lavorativo piacevole e stimolante in cui crescere professionalmente. 
7
Come adattare le strategie di employer branding in base al mercato del lavoro

Le strategie di employer branding per essere completamente efficaci devono anche essere adattate al mercato del lavoro. 

Per far ciò è importante, prima di tutto, ascoltare e soddisfare le esigenze dei propri dipendenti, ma anche di quelli futuri, ad esempio fornendo la possibilità di formazione e crescita professionale. A tal fine si devono identificare i benefici e le opportunità di carriera più richieste. 

Una buona reputazione attrae nuovi talenti, ecco perchè per distinguersi è fondamentale adattare le proprie strategie a quelle dei competitor.

Per promuovere le opportunità di lavoro da offrire si deve tenere traccia delle tendenze del mercato in quel settore, ad esempio comprendendo quali sono le competenze più ricercate. 

8
Come gestire le recensioni online dei dipendenti:

Gestire le recensioni online dei dipendenti, che hanno un impatto significativo sull’immagine dell’azienda, è un’attività fondamentale. 

Monitorare le opinioni che i collaboratori condividono online permette di comprendere quale sia la reputazione dell’impresa tra la popolazione aziendale ed il percepito dell’azienda in quanto datore di lavoro. 

Non si devono temere feedback negativi perché essi sono sia un’ opportunità per migliorare e risolvere tempestivamente eventuali problemi, sia il modo di dimostrare di essere un’azienda aperta alle opinioni dei propri dipendenti.

I problemi segnalati si possono risolvere in modo proattivo e preventivo, al fine di evitare che si ripropongano in futuro. 

Anche i feedback positivi sono una grande opportunità per l’impresa: condividerli sul sito web aziendale o sui social media aiuta a rafforzare l’immagine di un datore di lavoro attraente. 

9
Come gestire le aspettative dei dipendenti:

Dirigere al meglio un team di lavoro significa anche gestire le aspettative dei singoli dipendenti, al fine di diminuire il tasso di turnover in azienda. 

La parola chiave per evitare eventuali delusioni tra i propri collaboratori è ascoltare: comprendere le loro preoccupazioni aiuta a rispondere al meglio alle loro domande. A ciò si collega la capacità dell’azienda di comunicare in modo chiaro. Infatti un’impresa deve essere sempre trasparente riguardo i propri processi decisionali e le politiche aziendali.

Inoltre tutti i dipendenti devono essere trattati in modo equo.

L’azienda può anche fornire dei feedback costruttivi che aiutino le proprie risorse a sentirsi valorizzati e di conseguenza coinvolti negli obiettivi lavorativi. 

E’ importante che anche i dipendenti siano a conoscenza delle aspettative dell’azienda, che possono essere comunicate ad esempio attraverso il manuale dei dipendenti o il contratto lavorativo.

10
Considerazioni finali

Per migliorare l’employer branding della tua azienda devi conoscere bene i valori su cui essa è fondata, gli obiettivi a cui mira ed il target di riferimento al quale veicolare la sua immagine, che costituirà poi la sua reputazione sul mercato. 

Ma ciò non basta: devi conoscere bene i tuoi dipendenti, rispondere alle loro esigenze e renderli parte della cultura aziendale. I loro feedback sono importanti e contribuiscono a creare l’immagine che i nuovi futuri talenti, i clienti ed i collaboratori avranno della tua impresa

Adatta le tue strategie di employer branding alle evoluzioni del mercato del lavoro ed integrale con i tuoi progetti di marketing. 

Infatti affinchè la tua azienda sia attraente e ben distinta dai competitor, prenditi cura dei tuoi profili digitali, con i quali dimostrare di essere un ottimo datore di lavoro. 

FREE EBOOK

Guida al Welfare aziendale

Tutto ciò che devi sapere per iniziare un piano welfare nella tua azienda

autore

Chiara Buongiorno