Zucchero dipendenza: segnali ed effetti sull’organismo

zucchero dipendenza

Zucchero dipendenza: segnali ed effetti sull’organismo

Andiamo diritti al punto: il consumo elevato di zucchero non è per niente salutare ed ha ripercussioni molto negative sul nostro organismo. Secondo quanto emerso da alcuni nuovi studi, lo zucchero raffinato provoca una dipendenza perfino peggiore di quella associata ad alcune droghe (come la cocaina). Limitarne il consumo ed imparare a riconoscere i sintomi di una zucchero dipendenza è un passo fondamentale per prevenire l’insorgenza di problemi di salute.

ZUCCHERO DIPENDENZA, COME FUNZIONA

Gli esperti consigliano di stare alla larga dal consumo eccessivo di zucchero raffinato, il quale ha numerosi effetti negativi sul nostro organismo. In questi casi – infatti – non è solo la nostra forma fisica ad essere messa a rischio: un elevato consumo di zucchero estende i propri effetti negativi anche al cuore e al cervello.

Tuttavia, è importante precisare che lo zucchero bianco – quando assunto nelle giuste quantità – non è un nostro nemico in quanto ci fornisce parte dell’energia di cui abbiamo bisogno per vivere ed è essenziale per condurre uno stile di vita sano. Qualunque effetto negativo associato allo zucchero raffinato – lo ripetiamo – è collegato ad un suo consumo eccessivo che il più delle volte avviene involontariamente (ti basta pensare che circa il 75% dei cibi confezionati contiene dolcificanti).

Il consumo smisurato di bevande zuccherate, sostanze dolcificanti (come il miele, il fruttosio, il glucosio o sciroppo d’acero) e cibi dolci ci fa accumulare una grande quantità di zuccheri che spesso supera il massimo del 5% delle calorie giornaliere totali raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

zucchero dipendenza

Ma come funziona la dipendenza da dolci? Quando mangiamo cibi che contengono tanto zucchero, il nostro organismo rilascia oppioidi endogeni nel sistema nervoso che sono responsabili della sensazione di appagamento e benessere che proviamo durante e dopo il consumo.

In sintesi: lo zucchero attiva i neurotrasmettitori che producono oppiodi endogeni, tra cui la dopamina; il cervello ne trae piacere e ne aumenta la richiesta ricercando dosi sempre maggiori (per via della tolleranza allo zucchero che si va a creare nel breve periodo): più aumenta la richiesta di glucosio, più aumenta l’assunzione di zucchero e più si amplificano gli effetti negativi sulla salute. Per intenderci, questo meccanismo è il medesimo che si attiva per le droghe.

ZUCCHERO DIPENDENZA, SINTOMI ED EFFETTI SULL’ORGANISMO

Il glucosio è componente molto importante per la nostra salute. In media, la dose di zucchero di cui abbiamo bisogno per sostenere i normali processi vitali corrisponde a circa 200 grammi al giorno. Di questi, il nostro cervello ne consuma approssimativamente 120 grammi.

Quando si supera la dose giornaliera consigliata in maniera persistente, emergono svariati effetti negativi collegati ad una zucchero dipendenza. Quest’ultimo, infatti, è la causa di:

  • obesità e diabete;
  • problemi cardiaci;
  • problemi collegati al corretto assorbimento di vitamine e minerali;
  • possibili vertigini ed emicrania;
  • possibili problemi al tratto gastrointestinale;
  • danneggiamento della funzionalità metabolismo con aumento del colesterolo cattivo;
  • alcune forme di cancro;
  • alterazione e peggioramento delle capacità cerebrali.

zucchero dipendenza

EFFETTI SUL CERVELLO

Un grande consumo di sostanze zuccherine impatta negativamente sul cervello. Vi è un danneggiamento della memoria e della capacità di apprendimento a causa di un rallentamento delle funzioni cognitive. Uno dei numerosi studi sull’argomento condotto da ricercatori UCLA ha evidenziato, nel 2012, che una dieta con elevato contenuto di zucchero rende molto difficoltosa la comunicazione tra i vari neuroni.

Ancora lo zucchero ha degli effetti negativi sulla produzione dell’insulina, l’ormone proteico responsabile del controllo delle quantità di glucosio presenti nel sangue. In casi come questo si va a sviluppare una resistenza all’ormone, provocando un indebolimento delle connessioni sinaptiche tra i vari neuroni con un conseguente danneggiamento delle capacità cognitive.

EFFETTI SULL’UMORE

La zucchero dipendenza non ha effetti solo sul corpo ma anche sulla psiche. Picchi alti o bassi dei livelli di glucosio presenti nel sangue influenzano il normale equilibrio degli ormoni e possono provocare:

  • un aumento di ansia e depressione;
  • iperattività;
  • frequenti sbalzi d’umore ed instabilità emotiva;
  • spossatezza;
  • irascibilità.
ASTINENZA DA ZUCCHERO SINTOMI

Una improvvisa e drastica riduzione di elevate dosi di zucchero può comportare la manifestazione di alcuni sintomi di astinenza quali:

  • forti mal di testa;
  • sensazione di gonfiore;
  • nausea;
  • voglie;
  • crampi muscolari;
  • sensazione di stanchezza.

Tutti i sintomi sopra elencati sono temporanei e – nella gran parte dei casi – persistono solo per alcuni giorni per poi scomparire definitivamente.

ZUCCHERO DIPENDENZA, 7 CONSIGLI PER CONTRASTARLA

Contrastare la dipendenza da zucchero non è semplice ma ci sono degli accorgimenti che possono servire per rendere la disintossicazione meno difficoltosa. Come al solito, il nostro suggerimento in caso di problemi di qualsiasi natura, è sempre quello di rivolgersi ad un medico che possa comprendere a fondo la natura del problema e studiare una soluzione ad hoc.

zucchero dipendenza

Ad ogni modo, ecco alcuni consigli che possono aiutare a contrastare la dipendenza da zucchero raffinato.

  1. RIDUCI IL CONSUMO DI ZUCCHERO IN MANIERA GRADUALE

    La prima cosa da tenere a mente quando si vuole ridurre il consumo di zucchero è quella di non farsi sopraffare dal desiderio di farlo il più velocemente possibile. É un errore che si commette facilmente e che spesso non porta a buoni risultati: si finisce con l’interrompere tutto pochi giorni dopo aver iniziato, ritornando subito alle vecchie abitudini.

    Per raggiungere il tuo obiettivo avrai bisogno di qualche settimana. Inizia riducendo le dosi di fruttosio un po’ alla volta cominciando da quello che metti nel caffè, nel tè o nel latte. Fai attenzione anche al consumo delle bevande zuccherate e – se proprio non riesci a farne a meno – cerca di diluirle con dell’acqua liscia.

  2. RICERCA VALIDE ALTERNATIVE AGLI ZUCCHERI RAFFINATI

    Un’altra strada da seguire per combattere la dipendenza da zucchero è quella di cercare di sostituirlo con delle alternative più salutari. Un ottimo dolcificante naturale è sicuramente il miele, che ha buone proprietà nutritive ed apporta molti benefici all’organismo. Ancora puoi provare a dolcificare i cibi con lo xilitolo oppure la stevia.

  3. AUMENTA IL CONSUMO DI FRUTTA FRESCA

    La frutta contiene zuccheri naturali ed è ricca di moltissimi nutrienti e vitamine che fanno bene alla salute. Il consiglio è quello di preferire sempre della frutta fresca di stagione e di non acquistare quella venduta in scatola la quale, il più delle volte, contiene degli zuccheri aggiunti che ne migliorano il sapore.

    La frutta può essere consumata come spuntino intermedio della mattina e del pomeriggio e deve sostituire le merendine e gli altri cibi preconfezionati.

  4. BEVI MOLTA ACQUA

    Secondo gli esperti, le persone affette da dipendenza da zucchero non riescono a distinguere la voglia di zucchero da quella di acqua. Per questo motivo, ogni volta che hai voglia di consumare un cibo dolce prova a bere un bicchiere d’acqua per attenuare la sensazione di disagio. In generale, per preservare il benessere dell’organismo cerca di bere circa 2 litri di acqua al giorno (almeno 9 bicchieri da 200 ml).

  5. LEGGI ATTENTAMENTE LE ETICHETTE QUANDO COMPRI CIBI PRECONFEZIONATI

    Lo zucchero è inserito in qualsiasi cibo processato e conservato, anche in quelli che non ti aspetteresti. Ecco perché è importantissimo leggere attentamente le etichette per capire se ci sono dolcificanti aggiuntivi nella confezione che hai adocchiato. Questo ti aiuterà a tenere sotto controllo le dosi di zucchero che ingerisci.

  6. RIDUCI IL CONSUMO DI CARBOIDRATI ED AUMENTA QUELLO DI VERDURE

    I carboidrati sono convertiti quasi subito in zuccheri semplici. Quando ne mangiamo troppi, soccombiamo ai sintomi della dipendenza come la sensazione di stanchezza, la confusione mentale e la voglia di altri zuccheri dopo pochissimo tempo. Se poi all’alimentazione errata sommiamo uno stile di vita sedentario, andiamo ad accumulare grassi di riserva dannosi di cui potremmo tranquillamente fare a meno.

    Puoi provare a sostituire la pasta con alternative integrali che talvolta sono anche più nutrienti come il grano saraceno, il riso venere, il miglio oppure la quinoa. Aumentare il consumo di verdure ti permetterà di perdere peso, acquisire molte più vitamine, con effetti benefici anche sull’autostima.

  7. TROVA IL MODO DI SFOGARE LA FRUSTRAZIONE ATTRAVERSO L’ATTIVITÀ FISICA

    Vagare in giro per casa aprendo ripetutamente la dispensa non aiuta a contrastare la voglia di dolce. Reagisci. Indossa l’abbigliamento sportivo e recati in palestra. Fare fitness ti aiuterà a rilassarti e a liberare la mente. Inoltre, praticare un’attività sportiva è utile anche per combattere gli sbalzi d’umore.

Mangiar bene e fare sport regolarmente sono delle abitudini perfette per prendersi cura di sé. Fitprime coniuga entrambi gli aspetti offrendoti piani alimentari personalizzati in base alle tue esigenze e tutto lo sport che vuoi. Puoi scegliere tra attività indoor e outdoor provando sport completamente diversi come l’arrampicata, il tennis, la piscina, crossfit, yoga e molto altro. Scopri come funziona Fitprime premendo qui.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: