Shiatsu: tutto sul massaggio per eccellenza dalle origini antichissime

shiatsu

Shiatsu: tutto sul massaggio per eccellenza dalle origini antichissime

Considerato come il “massaggio per eccellenza”, lo shiatsu ha origini e metodi di esecuzione antichissimi che sono stati tramandati e perfezionati nel corso del tempo.

In questo articolo ti parliamo di tutte le caratteristiche principali della pratica, delle differenti tipologie più diffuse, nonché dei benefici e delle controindicazioni del massaggio.

MASSAGGIO SHIATSU: COS’É, ORIGINI E PRINCIPI BASE

Come accennato già sopra, questa dello shiatsu è una tecnica molto antica e le sue radici più profonde si possono ricercare nella medicina cinese e nell’influenza che quest’ultima ha avuto in quella giapponese.

La parola shiatsu fu coniata nel 1920 dal suo maggior esponente, il maestro Tokujiro Namikoshi, che – oltretutto – è il creatore nel 1940 della prima scuola di Shiatsu, il Japan Shiatsu CollegeL’etimologia della parola fa riferimento alla digitopressione e deriva da “Shi = dito” + “Atsu = pressione”.

Ispirata ai fondamenti dell’agopuntura, la pratica dello shiatsu si basa sul principio fortemente radicato della medicina tradizionale cinese, per la quale l’origine dei disturbi corporei va ricercata nei disequilibri energetici che si vengono a creare nell’organismo.

shiatsu

Di conseguenza, il fine principe di questa tecnica è quello di apportare pressioni perpendicolari in determinate zone del corpo, eseguite con pollici, dita e palmi delle mani (dunque senza l’ausilio di alcun macchinario ed altri oggetti vari). Tutti i movimenti della tecnica sono ideati per permettere all’energia di fluire in maniera corretta, ristabilendo allo stesso tempo l’equilibrio fisico e psichico.

Queste zone nevralgiche sono chiamate in giapponese “tsubo“, ed ogni tsubo corrisponde ad un punto in cui lo stress e la fatica si accumulano maggiormente. Per cui, la pressione giusta esercitata su tali punti porta inevitabilmente sollievo per la persona sottoposta al massaggio.

Possiamo riassumere i principi fondamentali di questa tecnica che sono cinque:

1) – respiro;

2) – postura;

3) – perpendicolarità;

4) – pressione;

5) – sensazione di piacere e/o di dolore.

Una pressione può considerarsi efficace quando riesce a soddisfare i seguenti fattori ovvero: un’adeguata posizione dell’operatore; una corretta analisi degli tsubo, anche noti come punti di accumulo dello stress; una corretta esecuzione delle tre fasi pressorie (di ingresso, di stasi e di uscita).

Una seduta di shiatsu ha una durata di circa un’ora, ma può comunque variare in base alla finalità del massaggio. Il massaggio shiatsu si può fare anche con i vestiti: difatti, grazie al trattamento che non usa nessun tipo né di macchinario né di olio, è possibile sottoporsi alle sedute con indumenti adeguati come delle tute o delle magliette di cotone.

MASSAGGIO SHIATSU: COSA CURA E BENEFICI

I benefici che apporta questo trattamento sono molteplici ed il concetto chiave per il quale si dovrebbe scegliere di sottoporsi ad un massaggio shiatsu è quello della prevenzione di alcuni dolori e patologie.

shiatsu

Difatti, non è provato scientificamente che questo genere di massaggi possa essere adottato come cura specifica per determinate patologie, ma allo stesso tempo è stato appurato come sia  un ottimo strumento di prevenzione per tutte le cause che contribuiscono a creare disfunzioni nell’organismo.

Non ci si dovrebbe quindi sottoporre al massaggio shiatsu solo in presenza di dolori. Piuttosto, sarebbe meglio tutelarsi con sedute preventive che permettano all’organismo di mantenere i canali energetici sempre fluidi e rilassare il corpo.

Attraverso lo shiatsu e l’influenza che esso ha negli tsubo (punti carichi di stress e tensioni, lo ricordiamo), i muscoli contratti si distendono ed il dolore viene attenuato. La pressione sanguigna si stabilizza, permettendo al sangue di fluire più rapidamente in tutto il corpo.

Di conseguenza, le funzioni metaboliche si stabilizzano e l’individuo riesce così ad entrare in una condizione di wellness o benessere psicofisico totale. Allo stesso tempo vengono apportate diverse migliorie all’organismo, come:

  • – rafforzamento del sistema immunitario;
  • – significativa riduzione dei dolori di tipo articolare e/o di tipo muscolare;
  • – rallentamento del processo di invecchiamento cellulare;
  • – miglioramento dei meccanismi legati alla digestione;
  • – rilassamento del sistema nervoso;
  • – miglioramento della circolazione sanguigna e/o linfatica.

Il punto più adatto per ricevere un trattamento di questo genere è la schiena, poiché attraverso la sua manipolazione si riesce indirettamente a trattare gli organi interni. A questo proposito, è opportuno anche considerare che i famosi tsubo sono sì sparsi per tutto il corpo, ma solitamente sono numericamente maggiori nella zona che va dalla vita in sù.

shiatsu

A questo punto ci sentiamo di inserire una piccola lista di patologie o per meglio dire disturbi, che più comunemente vengono trattati con questa tecnica e che – con una adeguata sequenza di sedute – possono essere arginate totalmente o quantomeno attenuate:

  • – dolori cervicali;
  • – ipertensione;
  • – asma;
  • – insonnia;
  • – mal di testa;
  • – ansia e depressione.

Ad ogni modo, ribadiamo ancora una volta che non esiste alcuno studio scientifico che confermi gli effetti benefici del massaggio su queste patologie e bisogna sempre fare attenzione prima di sottoporsi alla pratica, poiché anche se i benefici sono molti e la tecnica non è invasiva, pure il trattamento shiatsu ha delle controindicazioni.

Infatti, è altamente sconsigliato praticare o sottoporsi a questa tecnica se il soggetto è affetto da malattie contagiose, in caso di fratture oppure se si è affetti da problemi a fegato, cuore, reni e polmoni.

MASSAGGIO SHIATSU: 6 TIPI PIÙ CONOSCIUTI E PRATICATI

La fama sempre più crescente del massaggio – unita ai già noti benefici – ha portato allo sviluppo di diverse varianti da parte dei maestri. Attualmente ci sono 6 tipi di massaggi basati sul metodo shiatsu che rientrano tra i più conosciuti e praticati:

  • – Namakoshi;
  • – Meiso Shiatsu;
  • – Masunga o Zen Shiatsu;
  • – Ohashi;
  • – Koho;
  • – Serizawa.

Il massaggio Namakoshi – ideato da Tokujiro Namikoshi –  si serve delle conoscenze anatomiche e le applica alla teoria degli tsubo. Per cui, questa tecnica agisce sui meridiani lungo i quali l’energia fluisce e concentra il lavoro sui segnali del malessere avvertito dal soggetto, con una finalità non solo terapeutica, ma anche preventiva.

Il massaggio Meiso Shiatsu – ideato dal maestro Yuji Yahiro – ha una finalità più profonda e richiede una collaborazione tra l’operatore del massaggio e il paziente. Si tratta, infatti, di un percorso incentrato sul raggiungimento del benessere dell’organismo, unito alla ricerca della consapevolezza di sé stessi e del proprio corpo. Questi obiettivi possono essere raggiunti grazie all’aiuto del massaggiatore, grazie all’implementazione di tecniche di meditazione e consigli specifici.

Il massaggio Masunaga o Zen Shiatsu – ideato dal maestro Shizuto Masunaga – corrisponde ad una tecnica che si concentra sulle cause dei disturbi avvertiti dal paziente e mira al raggiungimento dell’equilibrio fisico e mentale attraverso il bilanciamento dell’energia tra i punti che risultano sovraccarichi e quelli che, al contrario, risultano scarichi.

shiatsu

Il massaggio Ohashi – ideato dal maestro Wataru Ohashi – ha la finalità di migliorare la postura, i movimenti e l’equilibrio psicofisico attraverso una duplice azione sui meridiani e attraverso la creazione di un percorso di auto-guarigione.

Il massaggio Koho – ideato dal maestro Watanabe Koho – è invece uno stile che si basa su un mix di pratiche tradizionali giapponesi e sulla medicina tradizionale cinese. Si contraddistingue per l’uso di pressioni fatte con i pollici lungo i sedici meridiani del corpo.

Il massaggio Serizawa – ideato dal maestro Katsuke Serizawa – rientra anch’esso tra i tipi più legati alla medicina tradizionale cinese. Questo approccio considera ogni tensione di tipo muscolare come il risultato dovuto al malessere degli organi interni e lavora sia sui meridiani principali che su quelli secondari.

MASSAGGIO SHIATSU: COSTO 

I prezzi dei massaggi ovviamente sono variabili e il costo dipende da diversi fattori che vanno dalla città in cui ci si trova, alla tipologia ed – ultimo ma non meno importante – al centro in cui si è intenzionati a farsi trattare, quindi dal professionista che esegue il trattamento.

Se il massaggiatore non ha molta esperienza, il costo del massaggio si aggira intorno ai 25 euro. Il prezzo parte da 40 euro per i cosiddetti operatori ordinari, ovvero persone che hanno alle spalle anni di formazione nel campo dello shiatsu. 

Ancora, quando il massaggiatore è un professionista iscritto al RIOS (Registro italiano operatori shiatsu), il costo della pratica parte da 60 euro. Se, infine, ci si sottopone a trattamento in un centro benessere con SPA e centro massaggi orientali, quest’ultimo potrà costare anche intorno ai 100 euro.

Dunque, per ricapitolare brevemente, ecco una lista con i prezzi indicativi per sottoporsi ad un massaggio in base all’esperienza dell’operatore:

  • – massaggiatore principiante = 25/30 euro;
  • – massaggiatore esperto = 40/50 euro;
  • – professionista iscritto all’albo = 60/70 euro;
  • – centro benessere = 90/100 euro.

Combina il potere rilassante del massaggio e i benefici della SPA, per rigenerare corpo e mente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: