Stress cronico: come riconoscerlo e cosa fare

stress cronico

Stress cronico: come riconoscerlo e cosa fare

Lo stress cronico può essere davvero pericoloso ed impedirci di vivere serenamente.

Chi è sottoposto costantemente a periodi di forte stress, ha maggiori probabilità di contrarre malattie e cadere in depressione, compromettendo la qualità della vita. Ecco perché diventa importantissimo sapere come riconoscerlo e cosa fare per intervenire sul problema.

COS’È LO STRESS CRONICO E COME RICONOSCERLO

Ti sarà capitato in tante occasioni di sentirti particolarmente sotto pressione e di scambiare quella pressione per vero e proprio stress. Molte volte però questa parola viene usata impropriamente, anche in contesti che non possono essere realmente definiti stressanti.

Ma cos’è lo stress e quanti tipi ne esistono? Quali sono le situazioni che causano forte stress? Quando si può parlare di disturbo post traumatico? E tutto questo come va ad influenzare la nostra vita?

Lo stress viene descritto come “uno stato di disfunzione nonché di alterazione degli equilibri di tipo psicofisico dell’organismo” che si manifesta quando ci si trova di fronte ad alcune situazioni particolari.

Qualsiasi fonte di sollecitazione, sia interna che esterna, attiva una reazione ben specifica da parte dell’organismo che sfocia anche nell’aumento della produzione di alcuni ormoni, come il cortisolo.

stress ceronico

É chiaro come episodi sporadici di stress non siano fonte di eccessiva preoccupazione. Ci sono molti casi in cui quest’ultimo si rivela infatti necessario per reagire a determinate situazioni e rappresenta uno sprono a far di più. Bisogna però tenerli sotto controllo – poiché laddove dovessero diventare cronici – potrebbero seriamente iniziare a compromettere la qualità della vita.

Alcuni tra i numerosi studi condotti su questo tema, hanno confermato che lo stress è collegato all’insorgere di alcune patologie che compromettono la salute sia fisica che mentale.

Dal punto di vista fisico, infatti, lunghi periodi di tensione comportano una riduzione significativa delle percentuali di massa magra (quindi dei muscoli, dei tessuti connettivi, degli organi e delle ossa), attivando una condizione nota come “catabolismo della massa magra”.

In questo senso, lo stress cronico compromette seriamente la capacità di rispondere e comportarsi adeguatamente rispetto a determinati stimoli.

STRESS CRONICO: SINTOMI E CAUSE

Si potrebbe erroneamente pensare che lo stress derivi soltanto da determinate situazioni pesanti (ad esempio, a causa di ritmi giornalieri particolarmente frenetici), ma non è necessariamente così.

In molti casi, i sintomi dello stress si manifestano anche quando si conduce uno stile di vita abbastanza tranquillo. Infatti, sembra proprio che la tensione e gli stati d’ansia possano essere causati da qualsiasi avvenimento, fonte di un forte senso di incertezza o di inadeguatezza a cui non si sa come rispondere.

Tuttavia, il più delle volte, i sintomi dello stress si manifestano con intensità quando si innescano cronicamente processi che l’organismo dovrebbe attivare solo in casi che possiamo considerare “di emergenza“.

Come già anticipato, il principale ormone che viene rilasciato in questi casi è il cortisolo, conosciuto anche come ormone dello stress. Quest’ultimo, se mantenuto entro determinati range, è ottimo per favorire il normale funzionamento dell’organismo ma, quando i livelli diventano alti, influisce negativamente sulla salute.

Stress cronico, sintomi generici:

Quali sono allora, per grandi linee, i campanelli d’allarme a cui prestare attenzione?

  • Stanchezza mentale, fisica e sensazione di affaticamento. Tra i segnali più comuni rientra quello della stanchezza e dell’affaticamento, talvolta anche ingiustificati. Tutto ciò si verifica a causa del catabolismo della massa magra, accompagnato spesso dalla mancanza di un adeguato riposo.
  • Alterazioni della fame. Un altro segnale spesso riscontrato in caso di forte stress è quello relativo ai cambiamenti repentini dell’appetito. Come ulteriore conseguenza del catabolismo, questa condizione va ad incidere sul processo di trasformazione degli zuccheri e, quindi, sulla regolazione della glicemia. Da qui, la fame eccessiva o la perdita di appetito.
  • Disturbi gastro-intestinali. Tra i disturbi più comuni rientrano poi sensazioni di pienezza, colon irritabile, manifestazione di intolleranze alimentari, gonfiori ed alvo alterno. Ancora una volta, la perdita di massa magra altera indirettamente le funzioni normali dell’organismo, incidendo sulla muscolatura digestiva. Si danneggia il processo di “peristalsi” ossia la fase tramite cui il cibo arriva dallo stomaco al colon.
  • Cattiva qualità del sonno e/o insonnia. L’alterazione dei ritmi ormonali compromette la qualità del sonno e comporta frequenti risvegli notturni o addirittura insonnia.
  • Cambi frequenti di umore e disturbi di natura psicologica. La variazione dell’umore dipende – in maniera particolare – dallo squilibrio che si verifica nei livelli degli elettroliti. Tutto questo ha effetti profondi sul sistema nervoso che predilige così ansia, rabbia, depressione o apatia.
  • Abbassamento delle difese immunitarie e difficoltà nel controllo del peso. Un altro svantaggio derivante dallo stress cronico, è l’abbassamento delle difese immunitarie: un organismo con le difese immunitarie basse, è un organismo che si ammala facilmente. Anche il peso è un ulteriore fattore che sfugge completamente al controllo di chi è sotto stress e subisce delle variazioni continue.

Chiaramente, questi sintomi sono puramente indicativi: ogni persona è diversa e può rispondere allo stress in modo diverso. Ma comunque – in linea generale – questi sono i campanelli d’allarme che si dovrebbero considerare per capire si è sottoposti a stress.

stress cronico

Stress cronico, cause generiche:

Dopo aver analizzato i sintomi, è opportuno soffermarsi anche sulle cause del disturbo. Tra queste, possiamo includere:

  • Ritmi frenetici. Una delle cause di stress più frequenti è, senza dubbio, da attribuire ai ritmi sempre più frenetici dovuti alla cura della famiglia, della casa o del lavoro.
  • Eventi traumatici. Il disturbo post traumatico da stress cronico si può manifestare dopo avvenimenti di particolare gravità (come guerre, attentati, disastri naturali o eventi di altra natura).
  • Problemi economici. Non essere in grado di auto-sostenersi è una delle cause principali che finiscono col provocare gravi stati di ansia e tensione, che spesso si traducono in stress.

QUANTI TIPI DI STRESS ESISTONO?

Esistono almeno tre diversi tipi di stress.

Un primo tipo di stress è rappresentato dallo stress metabolico. Questa forma può verificarsi, in primo luogo, quando non si segue un’alimentazione corretta ed equilibrata oppure quando si assumono farmaci in maniera cronica.

Le terapie di tipo farmacologico, a lungo andare, curano determinati problemi ma impegnano fortemente l’organismo, che accumula più tossine. 

Esistono poi stress di tipo emotivo: rientrano in questa categoria situazioni particolarmente impegnative e difficoltose dal punto di vista familiare, personale e/o lavorativo. Le forti ansie e preoccupazioni scombussolano l’organismo ed incidono anche sul sonno e sul sistema immunitario.

Terzo ed ultimo tipo di stress che possiamo prendere in considerazione è lo stress di tipo fisico, che riguarda – per l’appunto – lo svolgimento di attività fisica.

È possibile essere stressati sia in caso di completa sedentarietà – la quale provoca una riduzione della massa muscolare – sia in caso di un’eccessiva attività fisica, in quanto l’organismo consuma molte più risorse ed energie rispetto a quelle che riesce ad accumulare.

STRESS CRONICO CURA: COME COMBATTERLO?

Lo stress può essere combattuto solo se si è in grado di individuare la causa del problema.

Se quest’ultimo ha una natura emotiva o metabolica, ribadiamo l’importanza di rivolgersi ad uno specialista che possa aiutare a comprendere e risolvere il problema. Se il tuo problema è di tipo fisico, diventa importante trovare il giusto equilibrio tra sedentarietà e sovrallenamento, allenandosi circa dalle 2 alle 4 volte a settimana.

La riduzione dello stress è un percorso graduale, che necessita della giusta attenzione e che non va mai sottovalutato. Nei casi più lievi, due delle strade che offrono un grande contribuito in termini di aumento del benessere psicofisico, sono lo sport e l’alimentazione.

Grazie al primo, è possibile aumentare la produzione delle endorfine e approfittare così dei numerosi effetti positivi che derivano da un’attività fisica costante. Quando si ha bisogno di allentare le tensioni, infatti, può essere davvero utile abbandonarsi alla pratica di sessioni di yoga e di meditazione, che permettono di concentrarsi su sé stessi e sull’ascolto del proprio corpo.

È possibile così apprendere delle tecniche di rilassamento e di respirazione da poter attuare anche quando si avverte che lo stress sta per prendere il sopravvento. Altre discipline che servono ad allentare le tensioni, sono le attività di tipo combat, come il pugilato.

Altra alleata potente, che agisce anche sulla psiche come sul corpo, è l’alimentazione. In tal senso, è fondamentale imparare a seguire una dieta sana ed equilibrata, mangiando i cibi giusti in base alle proprie caratteristiche fisiche. Tutto ciò permette anche di sentirsi molto più energici e di migliorare l’autostima, a vantaggio anche della riduzione dello stress cronico e non.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: